SI RIACCENDE LA LOTTA PER IL TITOLO DEL FEEDER BOLOGNESE – LE CLASSIFICHE UFFICIALI

  • img-20160911-wa0012-fileminimizer

 

Dopo la pausa estiva é ripreso il cammino del Provinciale individuale feeder di Bologna con la prova disputata domenica 11 settembre nel tratto tra i chilometri 7 ed 8 del campo di Ostellato Vecchio. Trentacinque gli agonisti iscritti alla gara organizzata dal Gpo Tubertini, che ha allestito un campo gara in sintonia con i dettami originari di questa specialità, ossia una picchettatura che rasentava i 20 metri pro capite, situazione ormai impossibile da trovare anche nelle competizioni di feeder.

La concomitanza con altre manifestazioni locali di pesca al colpo ha probabilmente tolto qualche adesione a questo campionato, almeno in questa occasione, da parte di chi ama praticare entrambe le specialità ma, d’altra parte, le domeniche disponibili sono numericamente limitate e, sempre più, si sarà nella necessità di operare delle scelte tra le due tecniche. Va comunque detto che il Provinciale felsineo di questa specialità é andato numericamente ad incrementarsi nel corso degli ultimi due anni, attestandosi ormai stabilmente tra i 30 e i 40 praticanti per ogni appuntamento; possono sembrare numeri non esaltanti ma nel panorama generale di calo di adesioni alle competizioni il dato é percentualmente positivo.

All’appuntamento con la terza prova si presentavano Marco Guadagnini del GPO Tubertini e Plazzi Giancarlo della Lenza Emiliana Tubertini appaiati al vertice della graduatoria provvisoria con tre penalità, tallonati con 4 punti da Diego Bruina della Lenza Medicinese Tubertini e Massimo Soverini della Castelmaggiore Maver.

La prova odierne, però, ha in parte rimescolato le carte: con una nuova vittoria assoluta, dopo la bella vittoria di Medelana, Moreno Pandini della Castelmaggiore Maver é tornato in corsa per la vittoria finale e, assieme all’eterno amico/rivale Massimo Soverini, con 7 penalità sono i maggiori contendenti al Titolo contro il leader della classifica, il mitico “Straccio”, ossia il ravennate Giancarlo Plazzi, che dopo aver detto la sua per tantissimi anni nelle gare in mare da qualche anno si é calato appieno nella pesca a feeder, nella quale ha trasfuso in toto la sua enorme esperienza e passione. L’agonista della Lenza Emiliana Tubertini, oggi secondo di settore, ha condotto una non facile gara disputata tutta sulla lunga distanza, portando alla pesa oltre 6.000 punti di carassi e breme. Con il risultato odierno il ravennate iscritto tra le fila della Lenza Emiliana Tubertini si attesta a 5 penalità complessive, lanciatissimo per il rush finale. Ancora un rappresentante del Team Castelmaggiore Maver in ascesa, Stefano Finotti, che sale in sesta posizione e, con 10 penalità, va a completare un trio con Guadagnini del GPO Tubertini e Bruina, Lenza Medicinese, incappati oggi in una giornata opaca. Settima posizione per il detentore del Titolo, Maurizio Iannelli della Lenza Medicinese Tubertini, che segue con 12 punti complessivi.

Vittorie di settore tutte targate Castelmaggiore Maver oggi ad Ostellato, infatti oltre al citato Pandini, vincono anche Silvio Tentoni (kg. 6,570) e un altro campione della pesca in mare come Domenico Salvatori (kg. 8,360).

Tutto rimandato per l’assegnazione del Titolo all’ultima prova, in calendario addirittura a novembre nelle acque pescose ma non facili dell’impianto federale bolognese dei laghi SAPABA di Borgonuovo di Pontecchio Marconi.

Il famoso Lago 1 sarà il teatro in cui si affronteranno i feederman bolognesi, in una gara che probabilmente sarà più all’insegna della ricerca che della quantità, visto anche il periodo in cui si disputerà.

 

Alcune parole é doveroso dirle sul campo gara più famoso d’Italia, che in questo periodo sta dimostrando buoni segnali di pescosità; peccato per la qualità dell’acqua: sembrano lontanissimi i giorni del Mondiale per Club, ma era appena due mesi orsono, quando nel Circondariale circolava l’acqua del Po di Volano e la trasparenza e l’ossigenazione erano stupefacenti; oggi la superficie del canale é chiazzata da striature verdi di alghe innocue ma poco belle a vedersi.

Non sono mancate le allusioni ironiche al recente CIS feeder di Corbara e alle polemiche per la fioritura di alghe che ha prodotto gli effetti noti sullo svolgimento, anzi non svolgimento, della seconda gara e qualcuno, scherzando, ha minacciato di far annullare la gara per pruriti sospetti…

Chiameremo il dermatologo alla prossima gara!

 

Angelo Borgatti

LE CLASSIFICHE UFFICIALI

giornata

progressiva-feeder-1

 

 

img-20160911-wa0007-fileminimizerGIANCARLO PLAZZI, IL MITICO “STRACCIO”

img-20160911-wa0014-fileminimizerMASSIMO SOVERINI

img-20160911-wa0013-fileminimizer

img-20160911-wa0015-fileminimizer
img-20160911-wa0016-fileminimizer

MAURIZIO TAROZZI

img-20160911-wa0017-fileminimizer

CAMILLA TOMMASONI

img-20160911-wa0018-fileminimizer

STEFANO “CAVICC” CAVICCHI

img-20160911-wa0019-fileminimizer
img-20160911-wa0020-fileminimizer
img-20160911-wa0022-fileminimizer

MARCO GUADAGNINI

img-20160911-wa0023-fileminimizer

FABIO MARCHI

img-20160911-wa0011-fileminimizer
img-20160911-wa0010-fileminimizer

img-20160911-wa0008-fileminimizerSILVIO TENTONI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.