I MIGLIORI VERMI DA GARA, DOVE TROVARLI E COME CONSERVARLI

Quando inizieranno le gare, speriamo il prima possibile, non dovremo farci trovare impreparati non solo con le attrezzature ma anche con la preparazione delle migliori esche.

Sicuramente la scelta migliore è quella di acquistarle direttamente dai rivenditori come Obiettivo Pesca o Rossi Pesca sempre molto professionali  a fornire i pescatori con esche di grande qualità ma però ci sono pescatori che per alcune tipologie di esche, come i vermi o i caster ad esempio, preferiscono prepararle con il fai da te.

Il successo in una gara passa sempre dalla qualità delle esche utlizzate e il verme, come ci hanno insegnato i più grandi campioni inglesi, è un’esca micidiale sia per la tecnica del feeder ma anche nella pesca al colpo.

I vermi rossi di letame, ad esempio, possono essere un’esca viva mortale per varie specie, ma per la pesca delle breme e delle skimmer è assolutamente la numero 1.

Se c’è una breme nei paraggi della zona di pesca, c’è una grande possibilità di prenderla innescando 2 o 3 vermi rossi sul gancio!

L’unico problema con i vermi rossi è che può essere difficile reperirli, ma se si riesce a prenderne un po’, allora è facile conservarli per mesi, ma solo se lo si fa nel modo giusto.

Penso che il verme rosso migliore sia quello che si trova sotto il letame del cavallo, e personalmente avendo amici che possiedono dei cavalli quando mi servono so dove trovarli e posso scegliere i migliori.

Ci vuole un po’ per trovarli perché non sempre su tutto l’humus che il letame produce, infatti il posto migliore è generalmente nella parte che rimane più ore all’ombra  e soprattutto nella parte più umida nascosta sotto la paglia.

Solitamente uso una forca per spostare la paglia e una vanga per sollevare le zolle dove i vermi se sono presenti si notano subito perchè iniziano a fuoriuscire dalle loro tane.

Cerco sempre di raccogliere i vermi più rossi e ne raccolgo in buona quantità tanto da poterli conservare per mesi sempre chè non si costringano a vivere in una scatola di piccole dimensioni.

Personalmente utilizzo una bacinella di plastica quadrata e quando devo andare a pesca, la sera prima ne scelgo una cinquantina che provevdo a mettere in una magic box avente il coperchio forato per farli respirare.

Se non hai la possibilità di raggiungere facilmente qualcuno che abbia un maneggio di cavalli e quindi il letame quando ti capita prendine un po’ come scorta e conservala al fresco e i vermi dentro resteranno a disposizione per mesi.

I primi 2 o 3 giorni sono molto importanti perchè i vermi sistemati dentro la scatola con il letame quando faraà buio cercheranno di scappare.

Per questo motivo ho installato una lampada a basso consumo collegata ad un temporizzatore che la farà accendere quando farà buio, questo assicurerà che i vermi rimangano dentro senza più scappare perchè la luce li costringe a restare interrati.

Dopo qualche giorno il letame inizia a compostare e i vermi iniziano a nutrirsi, una o due spruzzate d’acqua possono solo far bene perchè il letame nella parte di superfice deve rimanere umido e fresco.

Una o due volte a settimana copro la superfice con verdura cotta e frutta (meglio mele, banane o bucce di ananas) che taglio in piccoli pezzi e lo metto prima su un vecchio giornale per fargli assorbire il liquido in eccesso per evitare che il letame diventi troppo bagnato.

Normalmente nelle prime due o tre settimane tutto andrà bene e i vermi saranno facili da mantenere ma ciò che è veramente importante, quando ne hai bisogno per pescare, è scegliere i vermi nella parte alta del composto senza frugare troppo in profondità per non rovinare l’habitat che si sono creati.

L’umidità che i vermi producono affonderà fino in fondo nella scatola e dopo un po’ i vermi non vorranno più essere in quella sezione inferiore.

Io di solito prendo una scatola separata di cartone dove tengo il letame di scorta da aggiungere di tanto in tanto per rigenerare l’humus e con questo processo puoi tenere i vermi anche per mesi e assicurarti di avere sempre vermi rossi perfetti, anche in difficili periodi invernali o estati calde.

Assicurati di indossare sempre i guanti quando si lavora con il letame, una cosa davvero importante per l’igiene, che non va mai dimenticata.

A. S.

Le ultime due foto di questo articolo sono state pelevate dal web (totalfishing)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.