LA FIPSAS PER LA RIPRESA: SUL TEVERE AD UMBERTIDE VINCE LA LENZA ORVIETANA COLMIC STONFO

Un Tevere da tutto esaurito da diversi giorni è stata la dimostrazione che il popolo della lenza ha voglia di pescare e sul campo gara umbro alla gara indetta dalla FIPSAS si sono presentate ben 40 squadre provenienti da diverse regioni.

Il fiume è stato preso d’assalto dai concorrenti già da diversi giorni aumentando così una pressione agonistica che alla lunga si è fatta sentire durante la competizione.

Infatti nei giorni di venerdì e sabato antecedenti la gara ufficiale ogni posto pesca era stato occupato facendo registrare il sold out e se pensiamo che ogni concorrente di media mette in acqua tre chili di bigattini oltre alle granaglie possiamo ben immaginare la reazione dei nostri amici pinnuti.

I cavedani di Umbertide sono abituati ad essere allamati e rilasciati ma alla lunga si trasformano nelle migliori macchine della diffidenza e l’approccio alla pescata aumenta il tasso di difficoltà.

Nella gara di oggi infatti la pescosità non è stata sugli standard di questo fiume, probabilmente oltre alla pressione agonistica ha influito anche il disturbo del pesce piccolo che ha costretto molti a virare dai bigattini al classico chicco di mais o al verme per una pescata a fondo.

Anche un leggero vento ha contribuito a rendere più difficile la pescata perchè stendere lenze leggerissime fuori punta e governare la passata non è cosa semplice in condizioni normali figuriamoci con il disturbo della brezza.

Infatti l’esca che ha pagato di più è stato il mais sul fondo ma con il passare del tempo c’è stato un ritorno al bigattino per riuscire a catturare qualche pesce anche con la canna inglese sulla sponda opposta.

Il colore dell’acqua è stato ottimale e i migliori pesi si sono registrati in carpina bassa e ai disabili.

In ogni caso il Tevere ad Umbertide sa sempre regalere emozioni incredibili: anche se oggi la pescata nonè stata stratosferica quando si va via da questo posto rimane sempre la voglia di tornare a ripetere la sfida. Per ogni pesce allamato possiamo contare almeno 10 tra mangiate sbagliate e pesci slamati, in più l’idea che il pesce è lì ma non si è riusciti a catturarlo lascia sempre la voglia di tornare e provare nuove idee e nuove sfide a questi astutissimi pinnuti.

Al termine della sfida a trionfare è stata la squadra della Lenza Orvietana Colmic Stonfo con 8 penalità, seguita dall’Oltrarno Colmic con 12 e terza piazza del podio per la Quintana San Marco Tubertini con 13.

CLASSIFICA SQUADRE E SETTORI UMBERTIDE

foto di Luigi Belli clicca qui

 

4 pensieri riguardo “LA FIPSAS PER LA RIPRESA: SUL TEVERE AD UMBERTIDE VINCE LA LENZA ORVIETANA COLMIC STONFO

  • 13 Luglio 2020 in 13:11
    Permalink

    Ma scusate 3kg di biga x prendere 10 cavedani sembrano tantini ma non si doveva cercare di limitare le spese ,poi sento che dal venerdi tutto esaurito forse allora il risparmio è solo una scusa x trovare delle critiche al.mondo della pesca

    Risposta
  • 13 Luglio 2020 in 20:38
    Permalink

    Tre kg.di bigatti se prendi quelli detti da pastura sono 12€ altrimenti 18€ non usi 15/20 lt di pastura no fouille ver de base quindi spendi meno di qualsiasi altra gara,quindi non esageriamo.
    Io sono per il risparmio perché ci sono gare che come spesa sono esagerate x foraggiare alcune persone!
    Poi queste gare a umbertide molti baristi pernottano x 2/3 giorni.quindi secondo te chi ci va sta a guardare 1/2 di bigatti?
    Fede abbi fede che chi può ci va chi non può sta a casa anche perché sono gare private.

    Risposta
    • 14 Luglio 2020 in 09:34
      Permalink

      Il mio discorso era diverso nel senso che x quasi una settimana butti tutti quei biga come puoi pretendere che alla domenica prendi pesce ,i pesci saranno gonfi a furia di mangiare . Visto che sull articolo era specificato che hanno preso meno x la pressione agonistica e sul quantitativo delle esche che erano volate in acqua .

      Risposta
  • 14 Luglio 2020 in 13:38
    Permalink

    Scusami ma la mia risposta è stata perché ho letto “non si doveva limitare le spese”!
    Comunque con me sfondi un muro aperto perché io vieterei la pesca x tutta la settimana prima della gara,si prova al sabato e domenica gara!
    Perché così pari x tutti chi lavora non si sputtana ferie e sta con la famiglia!
    Come l’hanno fatta diventare è al limite del vomito e non parlo di umbertide perché umbertide è un fiore in mezzo a tanta cacca!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *