LE CARPE DEL LAGO DI FANO

23-04-09 RITROVO AL LAGO DI FANO (PU)
UNA PESCATA BRITANNICA

La seconda prova del campionato nazionale di serie A2 di pesca al colpo, si svolgerà domenica 3 maggio 2009 sul canale veneto del Brian.
I 200 concorrenti, impegnati in questa manifestazione, in queste ore stanno preparando le attrezzature necessarie per gareggiare.
I pescatori romagnoli che parteciperanno alla serie A2 sono in diversi e come tutti vorrebbero raggiungere risultati di rilievo.
Ma sono i pescatori veneti i maggiormente favoriti perchè vantano la migliore conoscenza di questo canale abituati a frequentarlo con maggiore assiduità.
Purtroppo il canale veneto rimane a 250 chilometri di distanza dalla Romagna e così ai garisti della provincia di Rimini e Forlì Cesena non rimane altro che cercare un lago vicino a casa dalle caratteristiche similari al canale veneto.
Il canale Brian ha una profondità vicina ai cinque metri e viene utilizzato come collettore per trasportare acqua al mare dal vicino fiume Livenza quando questo è in piena.
La pesca che rende meglio è quella eseguita con la tecnica all’inglese oppure le canne fisse dai 3 ai 5 metri per pescare nel sottosponda.
Alcuni garisti romagnoli hanno deciso di preparare questa gara andando a testare il lago di Fano dove è possibile sfoderare le vecchie canne inglesi da 4,50 metri peraltro utilizzate pochissimo negli ultimi anni.
Lo scopo era quello di fare un buon allenamento e di riabituare le braccia all’uso della canna inglese e della fionda per il lancio tecnico della pastura a lunga distanza.
Alla pescata, insieme a Mauro Brolli e Alessandro Scarponi, ha partecipato anche Roberto Bartoli, forte agonista di Pesaro che quest’anno gareggia con i colori della società Lenza Parmense Rapid Sarfix di Parma, gran conoscitore di questo lago marchigiano.
Il lago di Fano è una cava realizzata diversi anni fa, della grandezza di 3 ettari, ricavato in conseguenza dell’asportazione di materiale ghiaioso utilizzato per la costruzione dell’autostrada A14 che scorre proprio di fianco al lago.
Questo grande invaso ha una profondità massima di 8 metri (lato ovest) e di 3 metri (lato est) e il livello e la qualità dell’acqua viene mantenuto costante grazie a tre sorgenti naturali.
Le sponde sono ben pulite con erba verde presente sugli argini e c’è la possibilità di portare l’auto vicino al posto di pesca.
Il lago è popolato da tantissime carpe e amur di varie pezzatura e sono presenti in quantità industriale anche grossi carassi dal peso variante tra i 500 e i 1500 grammi.
La tecnica consigliata in questo lago è la bolognese per pescare i grossi ciprinidi a pochi metri da riva, o il carp fishing per insidiare i grossi esemplari di carpe presenti nelle profondità del lago, ma la tecnica più divertente è senza dubbio quella all’inglese perchè assicura le più belle pescate.
Si pesca ad una profondità di circa 4 metri e sono consigliate lenze sostenute con filo del 18 nel mulinello e 16 come filo terminale. Amo del 10 innescato con 10 bigattini o lombrichi.
Per fare una pescata di mezza giornata occorrono almeno 6 chili di pastura da carassi integrata con bigattini sfusi e un barattolo di mais.
La pasturazione è l’altro aspetto determinante per la migliore riuscita della pescata, la pastura gialla e dolce è quindi fondamentale, la quale deve essere lanciata a piccole bocce a lunga distanza con l’ausilio di una fionda potente.
I pesci di solito non tardano ad entrare in zona di pesca e da quel momento inizia la “rumba” fatta di canne inarcate, frizioni dei mulinelli che stridono.
E non mancano le imprecazioni dei pescatori provocate dalle rotture dei terminali a causa di pesci troppo grossi.
Tre ore di pesca e tanti chili di pesce nella nassa lasciano il segno sulle braccia e sulla schiena dei pescatori e l’indolenzitura permane anche il giorno dopo.
Un buon allenamento è sempre necessario per preparare al meglio una gara di pesca e quello effettuato al lago di Fano è stato anche molto divertente con tante catture come si evince dalle foto.
Per raggiungere il lago di Fano è semplice: in autostrada uscire a Fano, prendere la direzione aereoporto di Fano e imboccare la strada che si trova proprio di fronte l’ingresso dell’aereoporto che porta diritto al lago.
Buon divertimento.

lago FANO 23-04-09 022

ROBERTO BARTOLI CON UNA AMUR APPENA CATTURATA ALL’INGLESE

ALESSANDRO SCARPONI CON UNA BELLA REGINA

LAGO FANO PANORAMICA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.