IL MINCIO A PESCHIERA: ANALISI DELLE CRITICITA’ (PARTE PRIMA)

In questa puntata de “LE DIRETTE DEL LUNEDI'” su Match Fishing Italia abbiamo avuto ospiti il Presidente Fipsas Verona e Comitato regionale Veneto Tiziano begal e l’Assessore di Peschiera Filippo Gavazzoni.

Nella conversazione è stato messo sotto i riflettori il fiume Mincio in quanto campo gara con Tiziano Begal che ha ricordato l’evoluzione di questo posto dalla pesca degli anni 60 a quella odierna.

Con l’Assessore Gavazzoni dovevamo analizzare le criticità del lago di Garda e del fiume Mincio alla luce della totale assenza di pescosità registrata in queste ultime settimane.

Purtroppo su Peschiera era scoppiato un grosso problema di blackout telefonico con diverse compagnie di operatori e così si è deciso di organizzare una parte 2 toccando lunedì prossimo queste tematiche.

Quindi vi aspettiamo sui canali social di Match Fishing Italia per scoprire le tante novità che riguardano questo campo gara.
Non mancate lunedì prossimo 19 aprile ore 21.

3 pensieri riguardo “IL MINCIO A PESCHIERA: ANALISI DELLE CRITICITA’ (PARTE PRIMA)

  • 15 Aprile 2021 in 12:42
    Permalink

    Ragazzi ma stiamo scherzando un mincio vuoto da pesce e molli quelle quantità minime di pesce ? Robe da ridere , prima si risolvono i problemi sul lago con denuncie xche non è possibile che non c’è un erba sul fondale del canale
    Poi mandi a pescare l a gente

    Risposta
  • 15 Aprile 2021 in 12:56
    Permalink

    Negli anni 90 c’erano 2 m di erbe nel fondo del mincio riparo x pesce e habitat x andare in frega , ora come ora zero erbe . Il pesce non ci resta li . Po se ogni anno per prendere devono fare delle semine qualche problema ci sarà . Se facessero in tutti i campi gara 2 semine all anno vedremo le differenze di pescosita . Come mai non si fanno in tutti i campi gara?

    Risposta
  • 15 Aprile 2021 in 13:09
    Permalink

    Tiziano ma sono 50 anni che il mincio è regolato dalle chiuse è ma il problema è adesso

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *