OSTELATO: FINALMENTE IL PESCE!!

Circondariale di Ostellato:
FINALMENTE IL PESCE!!


ZANI MAURIZIO DEL CITTA’ DEL RUBICONE CON UNA BELLA BREME


ZANI MAURIZIO: UNA PESCATA DA PAURA!!

Domenica 18 maggio 2008 ad Ostellato sulle acque del Canale Circondariale si è disputata la seconda prova del campionato provinciale individuale di pesca al colpo di Forlì-Cesena.
E’ stata una di quelle giornate di pesca condizionata dalle avverse condizioni atmosferiche con un vento fastidioso che rendeva difficile le operazioni di pesca.
Anche la pioggia, caduta solo nel tratto finale della gara, ha completato l’opera aumentando le difficoltà degli agonisti.
La tecnica scelta dai concorrenti è stata quella con la canna roubaisienne alla massima lunghezza di metri 13.
Le prove effettuate nei giorni precedenti facevano capire che sarebbe stata una gara con tanto pesce in canna ed infatti così è stato.
Le breme non hanno tradito le aspettative dei cannisti rispondendo puntuali alle esche offerte loro.
Molti pescatori non avevano mai calato la lenza nelle acque di questo canale ed il loro giudizio, alla fine delle tre ore di competizione, è stato molto positivo.
Il pesce si è preso, come è risultato dalle operazioni di peso eseguite come sempre in modo impeccabile dal giudice di gara Stefano Sportelli.
Addirittura Fabbri Piero della Società Amo Santarcangiolese ha fatto fermare l’ago della bilancia a 21 chilogrammi.
Ma la vera sfida è stata soprattutto tra coloro che da questo campionato sperano di aggiudicarsi il pass per partecipare il prossimo anno alle finali del Campionato Italiano individuale.
Tra coloro che navigavano nella parte alta della classifica solo in due hanno mantenuto il punteggio pieno con due penalità in due prove.
Luca Piscaglia e Marco Trevisani entrambi della Società Città del Rubicone di Savignano s/Rubicone.


LUCA PISCAGLIA E MARCO TREVISANI “CITTA’ DEL RUBICONE”

Sentiamo allora da Luca Piscaglia il commento del dopo gara:
Allora Luca puoi dirci come hai pescato?
“ ho pescato le breme sul fondo dopo averle richiamate con una attenta pasturazione usando sfarinati specifici per questo pesce di marca Trabucco.
Ad inizio gara decido di fare il fondo un po’ a scodella e un po’ a mano.
Comincio a pescare con una lenza da 0,75 grammi e un amo su cui ho innescato tre bigattini.
I concorrenti che mi erano vicini iniziavano a catturare subito diverse breme ma notavo che non erano di taglia importante mentre il pesce che prendevo io era di taglia ragguardevole grazie al quale riuscivo ad assicurarmi un discreto vantaggio.
Nella seconda ora di gara le abboccate sono diminuite notevolmente e li ho dovuto apportare alcune correzioni alla lenza grazie alle quali sono riuscito, nella terza ora di gara, a ritrovare il pesce e aggiudicarmi la vittoria di settore.
Puoi dirci che cosa hai escogitato?
Il segreto? Mi sono alleggerito sia con la lenza sia con l’amo e così sono riuscito a vincere i sospetti del pesce.
Sono molto contento per questa vittoria perché riesco a posizionarmi insieme all’amico di Società Trevisani Marco in testa alla classifica progressiva.
Nella classifica quattro posti su cinque sono occupati da concorrenti della mia stessa società e questo è un altro motivo di orgoglio.
Un giudizio sul campo di gara:
Il Circondariale di Ostellato esce a pieni voti da questa esperienza agonistica.
La pesca è bella, divertente e anche molto tecnica e in tutte le gare fin qui svolte il pesce ha sempre risposto bene.
Qui si pesca bene sia all’inglese sia a roubaisienne.
Il campo di gara è assolutamente stupendo, servito in maniera impeccabile e comodo.
L’anno prossimo alla stesura dei campionati nazionali di Eccellenza e di Serie A mi batterò affinché venga inserito come campo gara ufficiale magari in sostituzione di uno dei due campi gara del Veneto.
Oggi non si può più dire che a Ferrara non ci sia un campo gara all’altezza dell’importanza dei campionati nazionali.
Anzi la Federazione FIPSAS avrà una nuova opzione potendo scegliere tutte le tecniche comprese anche quelle a mulinello che negli ultimi anni sono andate un po’ in disuso.
In poche parole forse l’esilio delle competizioni importanti da Ferrara sta finendo grazie all’avvento delle breme e a due campi di gara stupendi: il Po di Volano a Medelana e il Canale Circondariale di Ostellato COVATO.
Speriamo che questi due canali ferraresi continuino a darci tante soddisfazioni poiché a giovarne sarebbe tutto il sistema pesca.
Finalmente due raggi di sole dopo tanti anni di buio “pesto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.